ALPINI: GIÙ LE MANI!

Apprendiamo con rabbia e sgomento della denuncia di NUDM Rimini in merito alle 150 segnalazioni pervenute a seguito del raduno nazionale degli Alpini in quella città. Tra i tanti casi, una quattordicenne è stata palpeggiata ed è tornata a casa terrorizzata. Diverse bariste sono state molestate da militari ubriachi che allungavano le mani, davano baci, facevano apprezzamenti e proferivano frasi oscene a sfondo sessuale. Una ragazza, in dieci minuti di passeggiata col cane, è stata fermata quattro volte, toccata due e seguita due. Molte bariste e cameriere non hanno potuto reagire alle molestie subite per la paura di perdere il posto di lavoro (se è vero infatti che la presenza dei militari in città porta guadagno ai proprietari dei locali, lo stesso non si può dire purtroppo delle lavoratrici, costrette a subire turni massacranti e molestie di ogni tipo).Condanniamo inoltre la solidarietà espressa al corpo degli alpini da tutto l’arco costituzionale, dal PD a FdI passando per Salvini (che con un vergognoso post su Facebook attacca NUDM scrivendo “Viva gli Alpini, più forti di tutto e tutti!”), nella più classica e retrograda colpevolizzazione delle vittime. Solidarietà ad ognun* delle donne e dei membri delle comunità LGBTQ+ che in questi giorni hanno subito abusi e discriminazioni a seguito dell’adunata militare.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORIEMILIA ROMAGNA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.