Saga Coffee – una storia già vista. Come alla Whirlpool

No alla chiusura e no ai licenziamenti!
Massima solidarietà ai 220 lavoratori e lavoratrici colpiti dal possibile licenziamento

Il Partito Comunista dei Lavoratori esprime la massima solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori della Saga Coffee di Gaggio Montano. Sono l’ennesima vittima di un padrone “prendi i soldi e scappa”.

È la logica del fare profitto con la rapina sociale, quella stessa che i governi borghesi si apprestano sempre a tutelare quando si preoccupano di rendere il Paese «appetibile agli investimenti stranieri».

Vediamo bene di cosa si tratti: razzie da pirati, null’altro. Allora alle lavoratrici e ai lavoratori colpiti dalla violenza padronale, e da azionisti che come briganti operano nell’ombra, diciamo le stesse cose che diciamo alle operaie e agli operai della Whirlpool. Non fidatevi di chi cerca di prendervi in giro, come il governatore Bonaccini, che oggi dimostra indignazione e vi esprime la sua pelosa solidarietà, e domani, come sempre, dentro il proprio partito proseguirà il sostegno al governo del banchiere Draghi, quello, per intendersi, dello sblocco dei licenziamenti e dell’attacco alle pensioni.

Come abbiamo affermato riguardo alla Whirlpool di Napoli, la soluzione operaia deve essere un’altra: l’occupazione dell’azienda da parte degli operai e la rivendicazione la nazionalizzazione senza indennizzo e sotto controllo operaio delle aziende che licenziano.

Invece che inseguire un negoziato a perdere in ordine sparso con governo e padroni, i sindacati devono unire le centinaia di vertenze a difesa del lavoro che attraversano l’Italia, per trasformarle in un’unica grande vertenza, per ripartire fra tutti il lavoro che c’è attraverso la riduzione generale dell’orario, a parità di paga.

Queste rivendicazioni non possono e non devono restare isolate. Centinaia di delegati di diversa appartenenza sindacale la stanno promuovendo attraverso un appello nazionale.

Il Partito Comunista dei Lavoratori mette tutte le proprie disponibilità al servizio di questa battaglia. Chiede a tutte le organizzazioni sindacali che parlano a nome della classe lavoratrice di farla propria.

Resta in ogni caso una considerazione di fondo. Solo un governo dei lavoratori e delle lavoratrici può spazzare via la classe degli azionisti parassiti e riorganizzare la società su basi nuove. Solo la lotta per un governo dei lavoratori e delle lavoratrici può tutelare il lavoro e fare avanzare gli operai.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.