• Senza categoria

Clamoroso: Barbara Spinelli propone l’alleanza della lista Tsipras… Con Grillo… In Italia e in Europa

Incredibile. A pochi giorni dal voto, la principale esponente e ispiratrice della lista Tsipras in Italia, Barbara Spinelli, rilascia su Il Manifesto ( 16 Maggio) un’intervista di apertura spericolata al M5S di Grillo e Casaleggio. Non si tratta di qualche frase infelice, ma di una argomentata proposta di alleanza politica.

“Spero che la lista per Tsipras abbia la forza e l’indipendenza di giudizio per aprire un dialogo con i 5 Stelle… Ci sono molte cose in comune…molte posizioni di Grillo sono completamente condivisibili, e fra l’altro simili se non identiche alle nostre. M5s potrebbe svolgere un ruolo importante… Mi chiedo però cosa faranno i suoi eletti nel Parlamento europeo. Se non si alleano con altri.. saranno condannati a un ruolo di testimonianza..” Spinelli aggiunge il plauso della Lista Tsipras al comportamento assunto dal M5S in Parlamento sul caso Genovese, dichiara identità di posizioni con M5s su mafia e corruzione, afferma che lo scandalo Expo favorirà Grillo nelle urne, ma “potrebbe favorire anche noi” data l’analogia di posizioni…
L’unica differenziazione con Grillo espressa nell’intervista riguarda l’opposizione di Spinelli al.. blocco dell’Expo: “E’ difficile fermare le macchine ora”.

C’è da restare allibiti. Ma in che mani si è messo ciò che resta della sinistra italiana?

Invece di denunciare la natura reazionaria del M5s, la sua campagna ossessiva contro la “peste rossa”, il suo civettamento con le pulsioni xenofobe, il suo progetto di Repubblica plebiscitaria fondata sul dominio della Rete e sulla cancellazione di ogni partito e sindacato, la sua proposta antioperaia di chiusura delle fabbriche in crisi con l’ammortizzatore di un salario di cittadinanza di 600 euro per gli operai licenziati, la sua rivendicazione di “abolizione dell’Irap” a vantaggio dei padroni finanziata dal taglio al pubblico impiego… la giornalista Barbara Spinelli propone a nome della lista Tsipras l’alleanza con il M5s. Persino in sede europea, con un blocco parlamentare comune. E nel nome di una larga “ comunanza di posizioni”!

Non si tratta solo e tanto di una posizione elettoralmente demenziale e suicida ( se c’è la comunanza larga di posizioni, perchè non votare direttamente Grillo, che conta assai più di Spinelli?). Si tratta soprattutto di una manifestazione plateale dell’equivoco di fondo della lista Tsipras all’italiana. Una lista dominata da un cenacolo di giornalisti liberal progressisti del quotidiano borghese Repubblica, che non ha niente a che vedere con la classe dei lavoratori e le sue esigenze sociali, e che anche per questo non garantisce neppure una loro linea di difesa sul terreno democratico.

Quale che sarà l’esito del voto, una cosa è certa: la ripresa del movimento operaio, della sua lotta di classe, della sua stessa contrapposizione alla reazione, non passerà per i salotti intellettuali liberali presso cui si sono imboscati i gruppi dirigenti della sinistra.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.