AL PEGGIO NON C’È MAI FINE

35b26-10509521_10152282924588867_1085515284512214077_nApprendiamo con rammarico della situazione dell’azienda forlivese Falber Fashion (azienda tessile che produce marchi di moda), con un organico di 75 lavoratori.

I lavoratori sono nella più completa incertezza lavorativa, dato che il 22 dicembre è stato decretato il fallimento esecutivo della ditta.

Gli operai a tutt’oggi continuano a lavorare nonostante la situazione sia allo sbando, che potrebbe determinare la chiusura dei cancelli da un momento all’altro con gravi ripercussioni su 75 famiglie.

Grazie all’imbarbarimento del mondo del lavoro a pagare saranno sempre loro, i lavoratori, mentre chi causa questa macelleria sociale non solo resta impunito, viene persino finanziato e ricompensato dallo stato grazie alla deregolamentazione selvaggia introdotta prima dal precariato poi dal Jobs Act, grazie alla possibilità di delocalizzare per aumentare i profitti, grazie alla pioggia di contributi pubblici alle assunzioni, tutti soldi tolti alla scuola e alla sanità pubblica per finire in mani private.

Noi del Partito Comunista dei Lavoratori esprimiamo piena solidarietà a questi lavoratori che vivono nell’incertezza. Auspichiamo che quelli che passeranno dalla padella alla brace non siano i lavoratori, ma chi  li ha portati in questa situazione.

Solo con l’autorganizzazione dei lavoratori (lotta di classe) si può mettere la parola fine a questa barbarie. Altrimenti la classe operaia è destinata alla flessibilità 2.0, ossia alla schiavitù totale.

Cellula Operaia PCL Sezione Romagna “Domenico Maltoni”

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.