La scuola ha fallito! Il sistema ha fallito!

Finalmente anche l’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo e di Istruzione ha ammesso l’inutilità delle proprie prove al fine di una corretta valutazione. È interessante notare che, come punto principale che dimostra il proprio fallimento, l’Invalsi sottolinea l’incapacità della scuola di attenuare le disuguaglianze di partenza, nonostante gli studenti passino molto tempo in aula. Purtroppo, si limita a denotare i propri limiti e non va oltre, non raggiunge il cuore della questione.

Perché la scuola ha questi limiti?

Perché è il diretto prodotto del sistema capitalista!

Un sistema che genera ineguaglianza e che sopravvive proprio per il perdurare e per l’accentuarsi di tali disparità. Perché prima di essere disparità scolastica è disparità economica! È guerra di classe! Le possibilità di chi vive in zone operaie o degradate non possono essere paragonate a quelle di chi vive nei quartieri ricchi e benestanti.

Il fallimento del test Invalsi è il fallimento di un sistema scolastico in cui non si insegna più a ragionare e a pensare come individui autonomi. Lo confermano gli stessi creatori del test quando dicono che le prove non riescono a misurare la comunicazione verbale, scritta, affettiva e relazionale.

Siamo esseri umani e se non siamo in grado di sviluppare queste ultime capacità, chiaramente ritenute inutili dal sistema, perdiamo la nostra umanità, il nostro pensiero critico e la nostra ottimistica volontà di poter cambiare un mondo schiavo della barbarie capitalista.

Parliamo dell’alternanza scuola-lavoro! Poco tempo fa, un ragazzo in alternanza scuola-lavoro si è semiamputato una mano usando una fresa. Questo è apprendimento del mestiere o “affinamento” delle competenze? NO, questo è andare al macello. I dati dei morti o dei feriti sul lavoro crescono vertiginosamente perché della salute di chi lavora non importa alla classe dominante! A loro importa solo del loro profitto!

Tutto questo è inaccettabile. Solo con la rivoluzione si può cambiare questo sistema disumanizzante e ci si può battere per una scuola che svolga il suo compito più importante: formare persone.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.