La vittoria di Trump

Il ritardo della rivoluzione socialista genera mostri. Trump non è il primo, non sarà l’ultimo. La costruzione di un partito rivoluzionario internazionale che lavori ad elevare la coscienza della classe lavoratrice all’altezza di un alternativa globale di sistema trova nella vicenda USA una ulteriore e clamorosa conferma.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.