Libertà per le sei compagne del DIP incarcerate in Turchia!

imagePetizione internazionale

Sei donne, militanti del Partito Rivoluzionario dei Lavoratori (DIP) della Turchia, sono perseguitate per la loro attività in occasione dell’8 marzo. Sono ora sotto processo in tribunale per “sostegno e propaganda del terrorismo” semplicemente perché hanno espresso solidarietà con le donne curde sfacciatamente represse e umiliate dalle forze di sicurezza.

Il 6 marzo 2016 le sei compagne stavano distribuendo un volantino del nostro partito, che propagandava la partecipazione all’azione che si sarebbe tenuta l’8 marzo nella piazza principale di Çorlu, una città industriale ad ovest di Istanbul, quando la polizia le ha prese in custodia perché il testo del volantino conteneva riferimenti alla repressione di stato delle donne curde. Il pubblico ministero in seguito ha rinviato a giudizio le sei compagne. Giovedì prossimo, 26 maggio, si aprirà la causa in tribunale presso la Corte di Assise di Çorlu


La denuncia di “sostegno e la propaganda del terrorismo” è un’accusa intenzionale. Il volantino del DIP, dopo aver toccato una serie di forme di oppressione delle donne, sottolineava poi che alcuni mesi fa, nel contesto della guerra intensificata da Tayyip Erdogan e dall’AKP a partire dalla scorsa estate, il corpo nudo di una combattente curda era stato scaricato nel bel mezzo di una città curda, lasciato alla vista di tutti, in modo da seminare il terrore tra la popolazione. Il volantino condannava severamente questo atto sfacciato di umiliazione delle donne, esprimeva solidarietà con le donne curde sottoposte a questo e ad altri atti simili di aggressione e salutava la lotta delle donne curde impegnate nell’autodifesa contro tale pratica da parte delle forze di sicurezza. Il procuratore ha immediatamente etichettato queste dichiarazioni come sostegno e propaganda per il terrorismo.

Nella sua lotta contro l’oppressione delle donne e per la liberazione delle donne, a fronte di un enorme aumento della violenza contro le donne in Turchia negli ultimi anni, il DIP ha sistematicamente proposto la parola d’ordine dei gruppi di autodifesa composti da donne, per combattere la violenza contro di esse, sia nella parte occidentale del paese, nelle roccaforti industriali tra le donne che lavorano e nei campus per le studentesse, che, naturalmente, anche nelle regioni curde del paese.

Questa rivendicazione non è meno urgente per il fatto che siano state le forze di sicurezza a commettere questo atto brutale di disprezzo delle donne ma, se possibile, ancora di più.

Il processo contro le sei compagne del DIP è un caso di repressione della lotta delle donne contro l’oppressione e per la solidarietà tra i popoli turco e curdo, e della lotta di DIP per una società giusta e libera.

Chiediamo alla magistratura turca far cadere tutte le accuse contro queste compagne che combattono l’oppressione delle donne e per i diritti legittimi del popolo curdo.

PRIME SOTTOSCRIZIONI

Nancy Holmstrom – professore emerito di filosofia, Stati Uniti

Eleni Varikas – professore di politica e di studi di genere, Francia

Ada Ivekovic – professore di filosofia, Francia

Ana Bazac – professore di filosofia, Romania

Samir Amin – professore di economia, Egitto-Francia-Senegal

PER FIRMARE LA PETIZIONE, invia un’e-mail a: info@pclavoratori.it

 

PartitO Comunista dei Lavoratori
Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.