• Senza categoria

NON PUO’ FINIRE QUI

Lo sciopero di oggi contro la macelleria sociale di Berlusconi-Tremonti-Bossi non può ridursi a un atto rituale. Né può rimuovere il bilancio delle scelte dei vertici CGIL.  

GOVERNO DI BANDITI, “OPPOSIZIONI” COMPLICI
L’operazione del governo- spalleggiata da Confindustria, banche, CISL, UIL- è semplicemente infame. Un governo di faccendieri ed evasori scarica la più imponente manovra economica del dopoguerra sul lavoro dipendente: a vantaggio degli industriali ( Art.8), dei banchieri( tagli pesanti su pubblico impiego, pensioni, servizi), del Vaticano ( i cui privilegi scandalosi restano intatti). Tutto ciò è avvenuto con l’avallo delle “opposizioni”. Che hanno prima consentito la manovra di Luglio in 3 giorni. Poi hanno accettato l’anticipazione del pareggio di bilancio e il suo inserimento in Costituzione. Infine hanno addirittura presentato “emendamenti” che in qualche caso aggravano l’attacco sociale: il PD propone privatizzazioni per 25 miliardi, alla faccia del referendum di giugno; la UDC un attacco ancor più pesante alle pensioni dei lavoratori.
La verità è che PD e UDC stanno dalla parte degli industriali e dei banchieri nel cui nome vogliono tornare a governare!  

LE SCELTE GRAVISSIME DI SUSANNA CAMUSSO:DIMISSIONI!
E la CGIL? Gli accordi firmati da Susanna Camusso con Confindustria, banche, CISL,UIL, prima a favore della derogabilità dei contratti nazionali( 28 Giugno), poi a favore dell’anticipazione e costituzionalizzazione del pareggio di bilancio( 4 Agosto), sono di una gravità inaudita. Sia in sé. Sia perchè hanno spianato la strada all’attuale macelleria di ragioni sociali e diritti. Sia perchè hanno rappresentato il segnale di futura disponibilità della Cgil ai “sacrifici” in occasione di un eventuale ricambio politico di Governo. Il fatto di essere stata usata e poi scaricata da Marcegaglia, non assolve (semmai aggrava) le responsabilità politiche dell’attuale segreteria della Cgil. Che va chiamata alle dimissioni.

PER UNA SVOLTA DI LOTTA, UNITARIA E RADICALE 
Tanto più oggi occorre una svolta vera del movimento operaio e sindacale: di metodi, programma, direzione. Ogni concertazione col padronato è fallita. Al tempo stesso non si regge l’urto drammatico della crisi capitalista e dell’offensiva del governo senza contrapporre la forza alla forza. Senza mettere in campo una radicalità uguale e contraria. Senza rompere con tutti i partiti padronali unendo il movimento operaio attorno ad un proprio programma indipendente di vera svolta. Solo una sollevazione sociale di massa può sbarrare la strada al governo, strappare risultati, aprire la via di un’alternativa vera. Solo un programma anticapitalista che punti ad un governo dei lavoratori, e ad un ‘Europa dei lavoratori, può incarnare questa alternativa.

BLOCCARE L’ITALIA, ASSEDIARE I PALAZZI, CACCIARE IL GOVERNO
Lo sciopero di oggi sia solo il punto di partenza. Occorre puntare a bloccare l’Italia sino al ritiro della manovra. Occupare le aziende che licenziano. Preparare uno sciopero generale prolungato, su una piattaforma di lotta unificante. Contestare in tutta Italia i sindacati padronali di Cisl e Uil. Costruire una marcia nazionale, operaia e popolare, su Palazzo Chigi e Parlamento, che assedi i palazzi del potere sino alla loro resa. Ad attacco straordinario, risposta straordinaria!

NON UN EURO AI BANCHIERI! GIU’ LE MANI DAL LAVORO!
Lo stesso vale sul programma. Vogliono spogliare il lavoro per pagare gli interessi ai banchieri. E’ ora di spogliare i banchieri per salvare il lavoro. Si rifiuti il pagamento del debito pubblico alle banche, strumento di rapina. Si nazionalizzino le banche, senza indennizzo per i grandi azionisti, sotto controllo dei lavoratori. Si investano le enormi risorse così liberate in un grande piano del lavoro per la rinascita sociale di servizi, sanità, istruzione. Si distribuisca tra tutti il lavoro, con la riduzione dell’orario a parità di paga, in modo che nessuno ne sia privato. Si abroghino tutte le leggi di precarizzazione del lavoro, si blocchino i licenziamenti, si nazionalizzino, senza indennizzo e sotto controllo dei lavoratori, tutte le aziende che licenziano, calpestano i diritti, ignorano la sicurezza dei lavoratori. Si abbattano gli scandalosi privilegi Vaticani, i veri lussi della “casta” parlamentare, le enormi spese militari. Si colpisca davvero l’evasione fiscale con l’abolizione del segreto bancario e il controllo operaio e popolare su redditi e patrimoni: per finanziare un salario sociale ai disoccupati che cercano lavoro, ritornare alla previdenza pubblica a ripartizione, estendere le protezioni sociali. Si lotti per un governo dei lavoratori, basato unicamente sulle loro ragioni e sulla loro forza: l’unico governo che possa realizzare queste misure di svolta.

PER LA SINISTRA CHE NON TRADISCE
Questo programma è “troppo” radicale? No. E’ tanto radicale quanto radicale è l’offensiva dei padroni. In compenso è l’unico che indichi una via d’uscita da questo sistema capitalista: che è interamente fallito, non è riformabile, non ha più nulla da offrire se non disperazione e miseria. In Italia e nel mondo. Ricondurre ogni lotta parziale a questa prospettiva generale di rivoluzione è l’unica risposta vera all’offensiva in atto. Questa è e sarà la linea di intervento, in ogni lotta, del Partito Comunista dei Lavoratori(PCL): “la sinistra che non tradisce”.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.