• Senza categoria

Replica ai pennivendoli de “La Voce di Romagna”

Nelle ultime due settimane di campagna elettorale, “La Voce di Romagna” ci ha fatto sapere di che colore fossero le mutande di Lucchi, Macori, Angeli e Di Placido… ci hanno persino reso noto cosa mangiassero a mezzogiorno!

Il nostro partito, al contrario è stato totalmente ignorato… tranne ieri.
L’unica volta che la redazione de “La Voce di Romagna” ha deciso di scrivere un articolo sul Partito Comunista dei Lavoratori, non ha pubblicato un nostro comunicato stampa, ma ha optato per “criticarci” perché i nostri candidati invece di essere raccolti per strada sono selezionati tra i nostri militanti, sicuramente un criterio più affidabile rispetto a quello utilizzato da altri partiti che hanno candidati “indipendenti” e “personaggi noti”, al solo scopo di fare incetta di voti, ma la cui affidabilità è decisamente discutibile. Noi siamo un’altra cosa, anche in questo.
La vera notizia sta qui: finalmente c’è un partito costituito da militanti indisponibili a compromessi.

LEGGI ANCHE: Come i comunisti affrontano il passaggio elettorale

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.